Playout 2017: la serie tra Saluzzo e Casale si chiude sul 0-3

E’ stata una serie più combattuta di quanto si possa intuire dal risultato finale. Casale si aggiudica la salvezza e la sua permanenza in C Gold con un netto 3 a 0, frutto anche del vantaggio del fattore campo che si sono aggiudicato piazzandosi 12esima, appena davanti ai gialloblù.

I punteggi sono stati i seguenti:

Sabato 6 maggio: Team Basket Casale 81 – Pallacanestro Saluzzo 69

Giovedì 11 maggio: Team Basket Casale 77 – Pallacanestro Saluzzo 68

Sabato 13 maggio: Pallacanestro Saluzzo 55 – Team Basket Casale 69.

Una serie che ha avuto due facce completamente opposte. Le due partite a Casale Monferrato sono state dettate dal ritmo molto elevato, che Saluzzo ha dimostrato di poter reggere per buona parte degli incontri. I padroni di casa hanno trovato le risorse sperate nei punti di Ielmini (25 in due partite), Valentini (33) e De Ros (38), che i gialloblù non sono mai riuscito per davvero ad arginare. Saluzzo si è affidata a due ottime prestazioni di Silvio Riviezzo ed un buon Francese, che conferma il suo film con la fase finale di stagione. Resta l’amaro in bocca per gara due, con i ragazzi di Perlo avanti nel punteggio per buona parte del match ma che poi hanno subito nel finale.

Gara 3, come si diceva, è stata una storia a sè. Saluzzo ha provato una strategia differente, cercando di dettare lei il ritmo e di tenere la partita ad un punteggio inferiore. La difesa ha sicuramente svolto meglio il suo lavoro, impiegando però una dose massiccia di energia, la quale si è ripercossa in modo negativo sulla produzione offensiva. Il PalaOnda è stato accogliente ed ha spinto i propri giocatori finchè poteva, ma la tensione non è stata un buon alleato dei gialloblu. Casale dal canto suo ha veleggiato sulla tranquillità che il 2-0 le concedeva ed ha saputo aspettare il momento giusto per affondare il colpo decisivo.

“E’ stata una stagione dura e sapevamo che sarebbe anche potuta finire così”, ha affermato il Presidente Tomassi, “Non siamo felici, questo sicuramente, ma non basta certo questa stagione per fermarci nel nostro lavoro e nel nostro impegno. Ora staremo a vedere come si evolvono le vicessitudini dei campionati e di conseguenza pianificheremo la prossima stagione”.

E’ stata una bella avventura, che sicuramente ha fatto crescere tanto i giocatori. Hanno assaporato il gusto dolce della cialisfrance24.com vittoria e l’aspro della sconfitta. L’unica cosa che si può, e si deve, fare è ricominciare facendo tesoro di ciò che ha funzionato e costruendo da ciò che invece proprio non è andato come si voleva.

Saluzzo ha nelle orecchie il suono di un pallone che rimbalza dal 1983, non basterà certo così poco per renderla sorda.

 

FORZA SALUZZO. FINCHE’ VIVRO’